Home / BLOG / LE QUATTRO STAGIONI DI MONTE CUCCO

LE QUATTRO STAGIONI DI MONTE CUCCO

LE QUATTRO STAGIONI DI MONTE CUCCO 

Monte Cucco, un parco regionale che regala emozioni tutto l’anno 

Tramonto da Pian di Spilli - Parco di Monte CuccoUna montagna ricca di possibilità e con una natura a 360°, durante tutto l’anno Monte Cucco può essere vissuto sotto diversi aspetti naturalistici e sportivi tra cui: escursionismo, mountain bike, speleologia, canyoning,  fotografia naturalistica, volo libero, sci da fondo, ciaspolate ed anche semplice relax.

Un luogo dove tutto inizia con la primavera, il parco inizia a dipingersi di molteplici colori grazie alle fioriture spontanee, una stagione che visibilmente porta ai nostri occhi la magia della vita, sia la flora che la fauna locale si risvegliano. A mio avviso non viene dato il giusto valore a tutto quello che accade a Monte Cucco, a partire da questa stagione per tutto il resto dell’anno ci vengono regalate situazioni meravigliose, una tra le prime, oltre la bellezza delle fioriture, è il fatto che possiamo incontrare specie rare di fiori, piante ed orchidee. Come potersi privare nella vita di fare attività all’aria aperta in uno spettacolo del genere? Vivendo molto il parco si può capire quanto cambi continuamente e quanto giorno dopo giorno ci metta a disposizione nuove meraviglie. In primavera inizia anche la stagione turistica di Monte Cucco e queste bellezze possono essere accompagnate da un’escursione naturalistica ed un’uscita in grotta, possiamo dedicare il nostro tempo al relax ed alla fotografia naturalistica immortalando soggetti magnifici che la natura ci offre a costo zero!

Corso fiori (2)Le fioriture è vero che iniziano a primavera ma si prolungano anche in estate, lo sapevate che nel nostro appennino fioriscono oltre 60 specie di orchidee spontanee? Ebbene si! Fidatevi che lo spettacolo che ci viene messo a disposizione è unico. Non perdete l’occasione per farvi un giro ed osservare cosa accade. Ogni tanto quando passeggiate guardate anche verso il cielo, questo perché potrete scorgere le diverse specie di rapaci che vivono  qui, se a Pian di Spilli soffia vento da ovest potrete ammirare il volo di diversi rapaci tra cui: poiane, falchi, gheppi, albanella minore ecc. Da non trascurare, dato il caldo della stagione estiva, il poter campeggiare a Pian delle Macinare e godersi in tutta tranquillità il cielo notturno. La notte a Pian delle Macinare diviene magica, io ci vado anche in inverno, sia con la luna piena che con la luna nuova. Possiamo capire quanto la vita quotidiana ci allontani dalla normalità solamente vedendo queste particolarità, una luna piena ci permette di passeggiare anche di notte vedendo benissimo il nostro cammino, con la luna nuova possiamo ammirare la via lattea in tutta la sua bellezza, sono delle situazioni che purtroppo non abbiamo tutti i giorni la fortuna di vivere dato che le luci artificiali oramai fanno parte della quotidianità, non perdetevi queste occasioni. Ah! Quasi mi dimenticavo, non dimentichiamoci che il torrente Rio Freddo fa parte del parco e che oltre ad un paesaggio acquatico magnifico ci da la possibilità di fare escursioni ed uscite in forra, delle esperienze da provare almeno una volta nella vita.

Faggeta in autunno - Parco di Monte CuccoPoi arriva l’autunno… Si è vero che l’autunno è l’inizio del riposarsi per il parco e che arriva il freddo, ma è anche vero che è una stagione dove le faggete ci regalano emozioni fantastiche e paesaggi surreali e fiabeschi. I colori dell’autunno dipingono letteralmente Monte Cucco, ops un attimo fa ho scritto “arriva il freddo” in questa stagione ultimamente molte giornate sono calde e soleggiate ed è un piacere passeggiare per le faggete… Non tralasciamo il fatto che ancora non sono finite le fioriture spontanee e potremo incontrare diverse specie di fiori ed anche qualche orchidea autunnale. Periodo che ci regala anche svariate specie di funghi, è sempre bello vedere il parco che, mentre si sta addormentando, si popola di percone che raccolgono funghi, anche questo è vivere un parco!

Fotografia a Monte Cucco in inverno…E poi arriva l’inverno… Logicamente qui non avremo fioriture di orchidee o altro ma avremo, quando cade dal cielo, la magia della neve. L’inverno è una stagione ostile, sia per il freddo che per la viabilità se nevica, nulla di meglio che stare su un divano con il camino acceso. Sono d’accordo, però, almeno una giornata all’anno dobbiamo sopportare il freddo e goderci un’uscita sulla neve o lo spettacolo di un tramonto. Per i più temerari c’è anche lo spettacolo della notte, in inverno il freddo “ripulisce” l’aria (detto in parole povere) e ci permette di vedere le costellazioni in tutta la sua bellezza, uno spettacolo che possiamo unire da prima al tramonto, una situazione che da Monte Cucco è uno spettacolo assoluto, i colori che si vedono tra cielo e terra diventano emozioni indimenticabili. Se la stagione è quella giusta la neve la fa da padrona, la montagna innevata diviene uno spettacolo magnifico contornato dalle faggete ghiacciate, uno spettacolo che si lega perfettamente con la fotografia e l’escursionismo, possiamo praticare lo sci da fondo ed escursioni con le ciaspole e, nella lentezza dell’inverno, goderci tutto il paesaggio imbiancato! La bellezza sta anche nei comuni del parco, i nostri paesini innevati hanno un fascino tutto loro sia di giorno che di notte e poi un Natale con la neve è sempre un Natale più bello! Una particolarità che si può vedere in questo periodo è a Pascelupo, nei giorni ricchi di pioggia e quando la neve inizia a sciogliersi dietro l’eremo di S.Girolamo cade una “cascatella”, la “Piscia dei frati”. Mi ricordo da bambino quando era facile vederla quasi tutto l’anno, nei nostri torrenti c’era molta più acqua, ora è diventata una rarità che comunque continua ad esistere anche se solamente in poche occasioni.

Voglio chiudere questo articolo con poche parole, anzi, un invito, viviamo il Parco di Monte Cucco noi per primi, è la nostra “casa” ed in un periodo storico come quello che stiamo passando può darci un sollievo durante l’anno senza spendere soldi, ricominciamo ad apprezzare quello che abbiamo da sempre ed a tutelarlo, il resto vien da se!

About Mauro Barbacci

Check Also

Galanthus Nivalis (Bucaneve)

Il Bucaneve (Galanthus Nivalis), il suo nome è dato dal fatto che, essendo uno dei …

Petrano Spring Extreme II Edition 13-14 Aprile 2013

Seconda edizione del Petrano Spring Extreme! Due giornate davvero fantastiche con i Petrano Riders, da …

Crocus Vernus

Quando la primavera è alle porte si incontrarno fioriture massicce di Crocus Vernus che letteralmente …